Menu

Trent Reznor contro YouTube

Nel corso della  recente Worldwide Developer’s Conference di Apple a San Francisco, il leader della rockband Nine Inch Nails e direttore creativo di Apple Music, Trent Reznor, si è scagliato contro YouTube affermando che “Si basa su contenuti gratuiti e rubati: solo in questo modo ha potuto diventare così grande”. Reznor ha rincarato la dose anche contro Spotify: “Penso che tutti i servizi che prevedono una modalità free siano iniqui, perché il loro vero obiettivo è raccogliere grandi numeri per essere quotati in borsa, il tutto sfruttando il lavoro dei miei colleghi artisti”.

La piattaforma di Google, YouTube, ha risposto alle accuse dichiarando che “la stragrande maggioranza delle case discografiche e degli editori musicali ha stretto accordi di licenza che permettono ai fan di caricare i video sulla piattaforma, generando ricavi economici. Oggi più o meno il 50% dei soldi che YouTube distribuisce all’industria discografica proviene proprio da questi contenuti. Ogni affermazione che sostiene che si tratti in maggior parte di materiale privo di licenze è falsa”, ha affermato un portavoce dell’azienda, sottolineando che in merito al valore complessivo dei pagamenti, YouTube finora ha versato all’industria discografica tre miliardi di dollari. Una somma che a seconda dei punti di vista può essere considerata insufficiente, equa o eccessiva.

Redazione
La redazione di eVideogame si occupa di contenuti riguardanti la tecnologia, console e videogames.

No comments

Lascia un commento