Menu

Microsoft ed i suoi browser, un odissea infinita

Sono passati ben 6 anni da quando la Microsoft preoccupata dalle prese di posizione della Commissione Ue decise di non dotare Windows 7 del suo browser Internet Explorer, tale espediente non bastò per fermare la sua investigazione sul comportamento della multinazionale che a suo dire avrebbe avuto un comportamento sleale nei confronti dei browser della concorrenza Firefox e Chrome in testa.

Dopo anni tribolati a causa di questa vicenda la compagnia fondata da Bill Gates per bocca di Chris Capossela responsabile marketing della casa di Redmond  ha deciso di abbandonare definitivamente il marchio Internet Explorer ed effettuare un rebranding ( cambio di nome) dando un nuovo nome al nuovo browser. A tale dichiarazione fatta in occasione della conferenza di Atlanta chiamata Microsoft Convergence non è seguito il tanto agognato nuovo nome ma solo il nome del progetto in atto denominato Project Spartan.

Le lamentele degli utenti dello storico brand dovute a problemi di stabilità e al confronto con i migliori Firefox e Chrome hanno pesantemente inciso  su questa drastica decisione.

Successivamente il nuovo nome Microsoft Edge è venuto fuori ed insieme a lui alcune indiscrezioni circa la sua leggerezza e la sua struttura adatta all’interoperabilità con il moderno web.

Il prodotto è stato implementato come browser di default per Windows 10 sia in versione PC che Mobile sostituendo definitivamente Internet Esplorer 11.

Al suo esordio i problemi non sono mancati in quanto le estensioni di  Microsoft Edge non erano pronte per il recente lancio di Windows 10. I problemi principali si sono presentati  sulla versione mobile del nuovo browser.Microsoft ed i suoi browser odissea infinita

Secondo la rinomata fonte The Verge queste estensioni saranno disponibili solo nel 2016 e potranno essere installate direttamente dal Windows Store.

Al momento non è certo quali estensioni saranno rilasciate ma avranno sicuramente come tema la sicurezza tanto che la compagnia prenderà del tempo extra per essere sicuro della sicurezza delle applicazioni di terze parti con il proprio nuovo browser.

fonte: TheVerge.com

Redazione
La redazione di eVideogame si occupa di contenuti riguardanti la tecnologia, console e videogames.

No comments

Lascia un commento