Menu

LinkedIn accusata di fare “Spam”: 13 milioni per risarcire

LinkedIn, famosissima piattaforma social per contatti professionali, è sotto accusa: secondo la class action nei suoi confronti, LinkedIn è colpevole di “spamming”, dovuto alla sua funzione “Add connections”; quest’ultima funzione consente al social di avere accesso ai contatti degli utenti e a mandar loro e-mail per invitarli ad iscriversi.

I contatti degli utenti di LinkedIn ricevono dunque una mail di invito, che è però seguita da altri due messaggi di sollecito in mancanza di una risposta immediata; ciò è considerato spam dal momento che la piattaforma non era autorizzata a mandare queste mail aggiuntive.

Adesso LinkedIn è costretta a pagare 13 milioni di dollari per risolvere questa class action dalle amare conseguenze; I responsabili del social network hanno provveduto a modificare la funzione “Add connections” e hanno dichiarato al Wall Street Journal: «Abbiamo deciso di risolvere il caso in modo da poterci concentrare su ciò che conta di più: trovare ulteriori modi per migliorare l’esperienza dei nostri membri».

Studentessa, appassionata del web e content writer per passione, si occupa di argomenti di tech e gossip.

No comments

Lascia un commento