Menu

Oops! Ho perso l’arca Streaming Recensione

La regia di Oops! Ho perso l’arca Streaming e Recensione è di Toby Genkel e Sean McCormack. Troviamo anche la partecipazione di Tara Flynn, Patrick J. FitzSymons, Alan Stanford, Franciska Friede, Paul Tylak, Dermot Magennis, Callum Maloney, Ava Connolly e Aileen Mythen. Il genere di questo film è animazione, film dedicato soprattutto per i ragazzi ed è stato girato interamente negli Stati Uniti d’America. La durata di Oops! Ho perso l’arca… è di circa 86 minuti, in programmazione in 189 sale cinematografiche ed è visibile nei cinema italiani da giovedì 9 aprile 2015. Un film d’animazione molto simpatico e passionale dove interagiscono i ragazzi insieme agli adulti dove ci saranno diversi ruoli e diversità da conciliare per poter raggiungere gli obiettivi prefissati.

oops

Nel film Oops! Ho perso l’arca… troviamo la storia di Dave dove insieme al figlio cercano dei nuovi luoghi in cui vivere, però Finny il figlio più che trovare nuove avventure cercherebbe un po di stabilità. Sta per arrivare il diluvio che spazzerà via qualsiasi cosa, gli animali iniziano a mettersi in coda così conme Dave e Finny dove però non ha la certificazione.

I due non sono in regola e per entrare in questa arca cercano di camuffarsi per avere la regolare certificazione insieme al Musone Hazel con la sua figlia Leah. Il piano funzione però i due cuccioli non si accorgono che si ritrovano su una struttura di sostegno dell’arca dove ci sono pericoli in vista. Problemi seri per i due cuccioli perchè la nave sta partendo e non si può neanche dire che rimarranno a terra visto che l’acqua sta salendo in continuazione e invaderà tutto il pianeta. Questo è un bel film d’animazione dove è garantito un pubblico di ragazzini nel vedere una storia ben fatta sulla famosa arca di noe. Un film da passare con i propri figli per i genitori che amano questi genere, un paio di ore da trascorrere con figli e amici.

Redazione
La redazione di eVideogame si occupa di contenuti riguardanti la tecnologia, console e videogames.

No comments

Lascia un commento