Menu

Second Chance Streaming Recensione

La regia di Second Chance Streaming e Recensione è stato girato da Susanne Bier. Con alcuni attori come Nikolaj Coster-Waldau, Maria Bonnevie, Ulrich Thomsen, Nikolaj Lie Kaas, May Andersen, Thomas Bo Larsen, Peter Haber, Bodil Jorgensen, Molly Blixt Egelind, Ewa Froling e Charlotte Fich. Il genere di questo film è Drammatico, visibile per un pubblico dai sedici anni in su ed è stato girato in Danimarca nel 2014. La durata di questo film è di 104 minuti, in programmazione in 37 sale cinematografiche ed è visibile al cinema da giovedì 2 aprile 2015. Sul tagli televisivo vediamo un thriller-melò sulla paternità dove è esecrabile sul piano artistico e anche su quello morale.

second c

Andreas è un ottimo poliziotto dove riesce a fare molto bene il suo lavoro ed è un padre modello del piccolo Alexander. Tristan, è un tossico, trascura il proprio figlio Sofus ed è un poco di buono dove picchia la compagna. Andreas dopo che effettua un’ispezione casa di Tristan, scopre le condizioni in cui vive il povero bambino cercando con tutte le sue forze di togliere la paternità del piccolo Sofus a Tristan. In questo film vedremo le barriere etiche di Andreas, dei vari personagi e di Tristan finiranno per essere violate.

Susanna Bier in primis voleva rappresentare un film dalle seconde possibilità dove è transitata dall’Oscar di un mondo milgiore in cui i disastri successivi alla trasferta hollywoodiana di Noi due sconosciuti. Second Chance è un film a tutti gli effetti dove rappresenta un ritorno alla danesità di cui anche per amientazioni di attori e soprattutto tematiche in cui si muove lungo il crinale di cui si accetta moralmente come ha voluto Dogma 95 di Von Trier e Vinterberg. Si vedrà un padre dove ha la scelta di ciò che è giusto o sbagliato in cui violerà ogni norma civile, riuscirà a ripristinare alla fine un ordine di cose in nome del politicamente corretto.

Redazione
La redazione di eVideogame si occupa di contenuti riguardanti la tecnologia, console e videogames.

No comments

Lascia un commento