Menu

L’altra Heimat Cronaca di un sogno Streaming Recensione

La regia di L’altra Heimat – Cronaca di un sogno Streaming e Recensione è di Edgar Reitz. Con la presenza di alcuni attori come Jan Dieter Schneider, Antonia Bill, Maximilian Scheidt, Marita Breuer, Rüdiger Kriese, Philine Lembeck, Mélanie Fouché, Eva Zeidler, Reinhard Paulus, Barbara Philipp, Christoph Luser, Rainer Kühn, Andreas Külzer, Julia Prochnow e infine Martin Haberscheidt. Il genere di questo film è Drammatico, adatto ad un pubblico che ha dai sedici anni in su ed è stato girato in Germania nel 2013. La durata di L’altra Heimat – Cronaca di un sogno Streaming e Recensione è di 230 minuti circa, in programmazione in 49 sale cinematografiche ed è disponibile nei cinema italiani da martedì 31 marzo 2015. Il regista Reitz riduce al quarto capitolo la durata per concentrarsi maggiormente sulle emozioni e puntare sul nuovo obiettivo.

helm

Ci troviamo in Schabbach una località del Hunsruck nel 1840 dove la famiglia Simon insieme ad altre famiglie della Prussia rurale non riescono ad arrivare a fine mese. Gli entroiti sono derivanti dalla bottega di fabbro e hanno due figli maschi che vivevono con i loro genitori, mentre la femmina è stata cacciata di casa per aver scelto come marito un cattolico. Uno dei due figli Jacob Simon dedica più tempo sullo studio invece del lavoro. Jacob sogna di partire per il Brasile e studia gli idiomi e gli usi. Però è molto legato a una ragazza ad Hunsruck di nome Henriette dove è una giovane contadina che è deliziata dal ragazzo. I tentativi di ribellione da parte delle angherie del barone falliscono miseramente dando vita ad eventi strani come l’incontro passionale e improvviso dove causerà in Gustav (fratello di Jakob) di conoscere Herriette. Jakob sarà mandato in prigione. Herriette mentre rientra in paese dovrà sposarsi a suo malgrado con Gustav. Un bel film che dura molte ore e vi auguro una buona visione.

Redazione
La redazione di eVideogame si occupa di contenuti riguardanti la tecnologia, console e videogames.

No comments

Lascia un commento